Scoprire il tradimento su internet con i new media

Paolo
Creative Commons License photo credit: Paolo Tonon

Uno studio dell’associazione avvocati matrimonialisti (AMI) indica che l’80% dei tradimenti è scoperto tramite internet, SMS e in generale dai cosidetti new media.

Grazie alle nuove tecnologie tutte le fasi di un tradimento sono più veloci: il corteggiamento, il tradimento, la scoperta della mancata fedeltà, il divorzio.

Tutte le nuove forme di comunicazione volte ai social network e far incontrare le persone, primo tra tutti Facebook, hanno permesso di aumentare esponenzialmente il numero delle proprie relazioni sociali e danno le oppurtunità per riallacciare i contatti con le vecchie amicizie o con le ex del passato.

Una ricerca inglese rivela il ruolo fondamentale di Facebook ben nel 20% delle cause di divorzio.

Il motivo più comune è la scoperta di messaggi intimi nella chat o nella posta, grazie al salvataggio automatico della password sul browser che permette  a chiunque usi il coputer della persona incriminata, ad esempio al partner, di poter accedere al profilo utente di chiunque abbia usato quel computer per entrare utilizzando il salvataggio delle password, quindi leggere i messaggi privati, sbirciare le foto taggate dagli amici e persino spacciarsi per il partner. Tutto questo senza neppure fare la fatica di scoprire i suoi dati d’accesso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.