Archivi categoria: Privacy

Cancellare le tracce di utilizzo del PC allo spegnimento

Privacy
Creative Commons License photo credit: rpongsaj

Mentre voi navigate tranquilli su internet tutta una serie di dati che descrive quello che state facendo viene memorizzata sul vostro computer.

Cookies, history, pagine temporanee, file salvati, tutto puo` contribuire a ricostruire le vostre abitutidini e l’utilizzo che fate del vostro computer. Una persona interessata a scoprire qualcosa su di voi utilizzera` tutto cio` come punto di partenza nelle sue investigazioni.

Si pensi anche semplicemente ai genitori che controllano i siti visitati dal proprio figlio, o la moglie che controlla i cookies per sapere su che siti il marito e` registrato.

Per mantenere la propria privacy esistono vari programmi, che allo spegnimento del computer cancellano tutti i dati temporanei, uno di questi, che e` gratuito e vi consiglio, si chiama CCleaner.

Si occupa di cancellare i dati storici da tutti i browser, ripulire il cestino, i documenti recenti, l’history di altre varie applicazioni, e un sacco di cose tutte descritte qui.

Come avere un’email anonima e temporanea

I must be getting old...
Creative Commons License photo credit: idogcow

Volete una casella email anonima?

Vi serve un indirizzo email all’unico scopo di registrarvi ad un sito? E non volete registrarvi con la vostra vera email, per mantenere la vostra privacy e per non essere tempestati di spam?

Allora sappiate che esiste un’infinita` di siti che forniscono caselle email di durata temporale limitata e completamente anonime. Vi forniscono un’indirizzo email, valido ad esempio per dieci minuti o qualche giornata, giusto il tempo che voi vi registriate su un sito, o facciate quel che dovete fare, e allo scadere del tempo l’indirizzo sara` distrutto.

Personalmente i servizi che preferisco sono 10minutemail e yopmail, ma se cercate ne troverete a decine di altri.

Nuova tecnica per vedere foto private e tab nascoste in Facebook

Port-127
Creative Commons License photo credit: Victor Bezrukov

Vi riporto una notizia di poche ore fa, è stata trovata una nuova tecnica per vedere le foto private e le tab impostate nascoste in Facebook.

Un ricercatore descrive in un post intitolato New Trick to View Hidden Facebook Photos and Tabs la tecnica da lui trovata, simile a quella scoperta nel dicembre dello scorso anno.

Il tutto funziona creando un semplice bookmarklets che esegue qualche riga di codice javascript, ma per i dettagli vi rimando all’articolo.

Facebook, come spiare le foto degli sconosciuti e dei profili privati

facebook
Creative Commons License photo credit: benstein

Dovete sapere che su Facebook non è totalmente impossibile guardare foto e profilo di persone che non fanno parte della nostra rete di amici.

Esistono infatti due applicazioni per facebook programmi: Photo Stalker e Seegugio che promettono ricerche miracolose.

Le due applicazioni sono molto simili: si inserisce il nome dell’utente del quale vogliamo vedere le foto e si ottiene la lista dei suoi album e delle sue foto.

Io gli ho provati, e su tre persone cercate di due mi sono state fornite informazioni interessanti, mentre una era totalmente sconosciuta a queste applicazioni.

Fatemi sapere quanto funzionano bene.

Come scoprire chi ha copiato il tuo blog e i tuoi contenuti

72 pencils : finished

Creative Commons License photo credit: fdecomite

Un paio di giorni fa, navigando casualmente in rete, mi sono imbattuto in ben due siti che fanno finta di parlare di spionaggio, ma che in realtà usano questo come specchio per allodole al fine di attirare utenti, guadagnandoci dai banner e in particolare dalle pseudo-microspie, per altro di pessima qualità, che questo signori vendono.

Ora la licenza di questo sito e le note di copyright parlano chiaro. I contenuti e diritti sono riservati, quindi, a meno di mio permesso esplicito, non è consentito nessun utilizzo dei contenuti qui presenti.

Io, e qualsiasi altro blogger, ci metto impegno, dedizione, costanza e tempo libero per scrivere e mantenere questo sito, senza guardagnarci niente. E’ veramente brutto vedersi ripubblicare,  con un solo copia incolla, il frutto della propria fatica, e anche senza la nostra autorizzazione.

Ovviamente questo è chiaramente illegale, e viola parecchie norme del nostro Stato.

Eppure c’è gente tutt’altro che onesta a cui piace pubblicare articoli copiati, spesso con l’unico fine del lucro, fregandosene del copyright.

Ma per fargliela pagare, bisogna prima scoprirli e trovarli. Quindi come trovare chi copia i contenuti del nostro sito?

Esiste un servizio chiamato CopyGator che ci permette di scoprire chi, dove e quando ha copiato dei contenuti dal nostro sito facendo dei confronti tra i feed RSS che forniscono risorse similari.

Sicuramente un sito da provare e uno strumento utile per ogni blogger che tiene al suo lavoro.

Cosa fare e come bloccare in caso di cellulare rubato o perso

L.A. Bank Robbery
Creative Commons License photo credit: colin.brown

Una cosa fastidiosa e che non si augura a nessuno, ma può capitare di perdere il proprio cellulare, per via di un furto o anche di una banale distrazione.

Persa ogni speranza di ritrovamento, almenochè non abbiate preso le precauzioni già descritte in altri articoli, il primo passo che si consiglia per evitare che vi siano conseguenze sgradevoli qualora il telefono finisse in mani sbagliate, ad esempio mani criminali, è quello di bloccare la scheda SIM, togliendo la possibilità a chiunque di accedere ai dati in essa contenuta e di fare chiamate.

Dovete sapere che ogni cellulare è identificabile con una sigla, che prende il nome di codice IMEI, visualizzabile digitando sulla tastiera *#6#. Qualora questo numero non sia memorizzato, non è un problema  rintracciarlo per l’operatore telefonico, che potrà risalendo alle chiamate effettuate dal cellulare perso o rubato.

Quindi, vediamo cosa fare:

– Individuare il codice cosiddetto IMEI. Questo codice si trova sul lato della scatola del cellulare. Senza questo dato dovrete interpellare il vostro gestore telefonico per scoprirlo, cosa spesso lunga e complicata.

– Tutti gli operatori forniscono all’interno del proprio sito la documentazione necessaria da utilizzare in caso di furto. Iindividuare i moduli dedicati, scaricarli e compilarli come richiesto. A questo punto recarsi nel commissariato di Pubblica Sicurezza più vicino.

– Nel commissariato verrà sporta denuncia, questa verrà mandatat via fax con il modulo per il furto, debitamente compilato, al numero indicato dal vostro operatore. Nel documento non dimenticare di inserire il codice IMEI. Ora il telefonino rubato verrà bloccato.