Archivi tag: facebook

Nuova tecnica 2011 per vedere le foto private su Facebook

five
Creative Commons License photo credit: woodleywonderworks

Come sapete ogni tanto viene scoperto un nuovo bug che permette di vedere le foto private degli utenti Facebook anche senza autorizzazione, fintantoche` quelli di Facebook non lo tappano.

Pochi giorni fa ne e` stato scoperto uno nuovo che qui vi descrivo!

Trovate la persona di cui volete vedere le foto non sono visibili. Se si clicca sulle azioni possibili rispetto a questa persona e, trovate tra le varie opzioni di segnalazione o bloccaggio, selezionate la casella “Immagine del profilo inappropriata”, cliccate su “Continua”.

Facebook ora chiedera` “compari tu o un tuo amico”? La risposta dovrà essere negativa e dovete selezionare “Nudo o pornografia”. Il passaggio successivo consiste nel segnalare la foto a Facebook (spuntando la relativa casella) senza inviare alcun messaggio alla persona coinvolta con la richiesta di rimozione del contenuto.

Infine si deve selezionare “Aiutaci a prendere provvedimenti segnalando altre foto da includere nel rapporto” per avere accesso a tutte le immagini private.

Evidentemente Facebook ha scritto male la funzione di sengalazione foto che rappresentano un abuso esponendo tutte le foto private degli utenti.

Ricordate pero` che per sfruttare questo di fatto segnalate come abuso, anche se magari non lo e`, la foto di un utente.
Quindi questo articolo e` da ritersi puramente informativo, e tutto quello che fate e` vostra libera scelta e responsabilita`.

Le corna si fanno su Facebook

Bisonte
Creative Commons License photo credit: Bisbi

Mogli cornute, mariti cornuti, e tutti a cercare e fare corna su Facebook.
Uno studio, condotto negli USA, ha confermato come l’abitudine di mandarsi foto piccanti ed esplicite su Facebook, Twitter o altri social network è ormai uno dei mezzi più utilizzati per tradire il proprio compagno o compagna.
Per tradire il  partner ma non far sorprendere il modo più comune e utilizzato per rimorchiare e il messaggiare sui social network, in particolare l’invio di messaggi spinti e foto nude o molto erotiche alla persona che si vuole ammaliare, magari solo per un breve lasso temporale, senza che il partner ne venga a conoscenza.
La ricerca che sto citanto a è uno studio condotto dalla sociologa Diane Kholos Wysocki.

Su un campione di quasi 5 mila utenti che navigano usualmente siti per incontri ha evidenziato come le scappatelle con partner occasionali conosciuti in rete sia pratica comune. “Ci si conosce online, ci si scambia qualche battuta, e poi vengono inviate foto spinte per capire se c’è piena compatibilità per il sesso”.

Nascondersi su Facebook facendo finta di essere offline

My weekend
Creative Commons License photo credit: trekkyandy

Volete collegarvi a Facebook in modo che nessuno se ne accorga? Volete nascondervi su Facebook? Volete risultare scollegati a qualche amici che ogni volta di rompe?

Esiste un metodo molto semplice, per collegarsi a Facebook e risultare offline (scollegati) a chi volete.

E` possibile creare delle liste grazie alle quali risultare offline su Facebook ad alcuni amici rimanendo reperibile per tutti gli altri, quelli meno fastidiosi.

Quello che dovete fare per crearla e` andare  nella voce Amici,  sulla destra nella pagina principale, cliccare sul pulsante Crea una lista. Si aprira` un box con la lista di tutti gli amici che, dargli un nome nel campo Inserisci un nome. Ora selezionare gli amici da inserire nella lista. Concludere con il pulsante Crea lista per eseguire la creazione della lista di persone a cui risultare offline.

Come si rubano le password di Facebook

Dia 122: Desbloqueado
Creative Commons License photo credit: Freddy The Boy

Al giorno d’oggi si sente parlare sempre di piu` di casi in cui, in vari modi, sono state rubate o sottratte impropriamente le password di Facebook.

Questo viene fatto al fine di guadagnarsi la possibilità di far finta di essere un’altra persona e avere accesso ad informazioni personali e riservate, quali foto e messaggi privati.

Per proteggersi al meglio, e` bene conoscere a fondo le tecniche utilizzate dai “cattivi” per impadronirsi delle nostre password.

Ecco alcuni dei modi con cui è possibile rubare le password di Facebook e alcuni suggerimenti da seguire per proteggersi.

Di solito un primo tentativo e` quello di indovinare la password dell’utente Facebook provando diverse combinazioni di password, come il nome della fidanzata della vittima o la sua data di nascita. O altre informazioni conosciute che potrebbero essere usate come password. Queste invece non vanno mai utilizzate, una password deve essere il piu` difficile da indovinare sia possibile.

Se un attaccante non riuscisse ad ottenere la password con questa strategia, passerebbe al livello d’attacco successivo.

Inviano delle email di phishing, ovvero una email in cui l’attaccante si spaccia per Facebook. Proponendo all’utente di collegarsi ad un sito Web, che avrà la stessa grafica di Facebook, in cui sarà richiesta la password usata su Facebook. Solo che quando l’utente la immette questa viene comunicata al “cattivo” di turno.

Questi sono gli attacchi piu` banali che possono capitare ad un utente di Facebook, ce ne sono anche altri, ma sono sensibilmente piu` complessi, rari, e assolutamente mirati ad una certa vittima.

State in campana!

Come scoprire chi visita il tuo profilo Facebook

Salsa Super Zen
Creative Commons License photo credit: *** Fanch The System !!! ***

Hai il tuo bel profilo su Facebook che tieni sempre aggiornato, spesso con informazioni personali e con foto, ma non sai chi e` che ogni giorno si legge gli affari tuoi? Vuoi saperlo?

Scoprirlo e` semplicissimo!

Tra la marea di applicazioni Facebook, ne esiste una chiamata Historyseeker – Profile watcher! che serve per scoprire in maniera semplice chi ogni giorno visita il tuo profilo.

Per installarla basta collegarsi alla pagina dell’applicazione e proseguire nella sua semplice configurazione.

Fatto questo, per scoprire chi ti ha visitato sara` sufficiente andare a visualizzare i dati nel box dell’applicazione.